© 2015 by Massimiiliano Martinato

  • Facebook App icona
  • Instagram-icon
  • Google+ Classic
  • LinkedIn App Icon

August 26, 2019

Please reload

August 26, 2019

Please reload

Post Recenti
In Evidenza

Ansia: quando è normale e quando diventa un disturbo.

January 26, 2018

Preoccupato? Nervoso? La distinzione tra un normale stato ansioso e un disturbo d’ansia non è sempre chiara.

 

Ciascuno di noi può sentirsi nervoso o ansioso in determinate circostanze: quando parliamo in pubblico o quando ci troviamo ad affrontare difficoltà finanziarie.

 

Per alcune persone, comunque, l’ansia diventa talmente frequente e così intensa che inizia a diventare una parte ingombrante nelle loro vite.

 

Quando si può affermare che l’ansia che si sente qu

 

otidianamente si è trasformata in un disturbo?

 

L’ansia si manifesta in diverse forme quali: attacchi di panico, paura e ansia sociale.

 

Di seguito una serie di sintomi che se vengono provati regolarmente sono segnali d’allarme per un disturbo d’ansia.

 

- Preoccupazione eccessiva

 

Il tratto caratteristico del Disturbo di Ansia generalizzato è quello di preoccuparsi troppo non solo per le cose più grandi ma anche per quelle più piccole e insignificanti.

 

Nel caso di un Disturbo d’ansia generalizzato, i pensieri ansiosi persistono per la maggior parte della settimana, per almeno sei mesi.

 

Nella maggior parte dei casi l’ansia interferisce nella vita di tutti i giorni ed è accompagnata da sintomi evidenti, quali stanchezza e la sensazione di sentirsi sempre affaticati.

 

- Problemi del sonno

 

Problemi ad addormentarsi o di mantenere il sonno sono spesso associati con un ampio numero di problemi di salute, sia fisica che psicologica. E, naturalmente, non è strano avere tali problemi prima di un appuntamento importante, un colloquio, un esame, o un discorso in pubblico.

 

Se ti trovi spesso nel letto agitato, preoccupato su determinati problemi o su niente in particolare, potrebbe essere un segnale di un disturbo d’ansia. Almeno la metà delle persone che soffrono di un disturbo d’ansia generalizzato ha problemi di sonno.

 

- Paure irrazionali

 

Alcuni tipi di ansia non sono affatto generalizzati, ma, al contrario, sono associati a una specifica situazione o a un specifico oggetto – come la paura di volare, gli animali o la folla.

 

Se tali paure diventano esagerate, distruttive, e troppo sproporzionate in relazione al rischio, ci troviamo in presenza di un possibile disturbo d’ansia.

 

- Tensione muscolare

 

La tensione muscolare è spesso associata ai disturbi d’ansia.

 

Tali sintomi possono essere talmente persistenti e pervasivi per la persona che ci convive da non notarle più dopo un po’ di tempo.

 

L’esercizio fisico regolare può aiutare a mantenere la tensione muscolare sotto controllo, anche se dopo un infortunio o un’infiammazione tali tensioni tornano a farsi sentire.

 

- Indigestione cronica

 

L’ansia parte dalla mente, ma si manifesta attraverso il corpo; sintomi fisici come i problemi di digestione, sono uno di questi.

 

La Sindrome dell’Intestino Irritabile è caratterizzata da crampi allo stomaco, gas, diarrea, costipazione.

 

La Sindrome dell’Intestino Irritabile non è sempre associata a un disturbo d’ansia, ma spesso si presentano contemporaneamente e possono peggiorarsi a vicenda.

 

Lo stomaco è molto sensibile allo stress psicologico e, viceversa, i problemi di stomaco possono far sentire una persona più ansiosa.

 

- Paura da palcoscenico

 

La maggior parte delle persone prova uno stato d’ansia o di tensione quando si trova a dover parlare in pubblico.

 

Ma quando tale paura è talmente forte da non poter essere alleviate da qualche sessione di coaching, o la persone passa la maggior parte del tempo a pensare e a preoccuparsi di trovarsi in un luogo pubblico, siamo in presenza di un Disturbo d’Ansia, conosciuto come Fobia Sociale.

 

Le persone affette da Fobia Sociale tendono a preoccuparsi per giorni e settimane prima di un pubblico evento.

 

Allo stesso modo tendono a ripercorrere con la mente l’evento per diversi giorni dopo la sua conclusione, preoccupandosi di come sono stati giudicati e come si sono sentiti.

 

- Imbarazzo

 

L’ansia sociale non è sempre associata al parlare in pubblico o all’essere al centro dell’attenzione. In molti casi, l’ansia si manifesta anche durante una normale conversazione, ad una festa, o a una cena o a ad una uscita in cui sono presenti anche solo poche persone.

 

In tali situazioni, la maggior parte delle persone con ansia sociale sentono come se tutti gli occhi fossero puntati su di loro, e tendono ad arrossire, tremare, provare nausea, sudare copiosamente, o avere difficoltà a parlare.

 

Questi sintomi possono essere talmente di disturbo che non ci permettono di conoscere altre persone, mantenere le relazioni, e progredire nello studio o sul lavoro.

 

- Panico

 

Gli attacchi di panico possono essere molto spaventosi: una improvvisa sensazione di paura e di debolezza che può durare anche per parecchi minuti. Tale sensazione è spesso associata a problemi di respirazione, tachicardia, sudore, stanchezza e debolezza, dolori al petto, dolore allo stomaco, vampate di caldo o di freddo.

 

Le persone che soffrono da attacchi di panico vive nel constante terrore di dove e quando potrebbero avere il loro prossimo attacco, e tendono ad evitare i posti dove gli attacchi sono successi in passato.

 

- Flashback

 

Rivivere un evento traumatico – un incontro violento, l’improvvisa morte di un caro – è la caratteristica principale del Disturbo Post Traumatico di Stress (PTSD). Molto recentemente il PTSD è considerato come un tipo di Disturbo d’Ansia, piuttosto che un disturbo a se stante.

 

- Perfezionismo

 

Quella condizione mentale per la quale si cerca in continuazione in modo maniacale ed ossessivo la perfezione, chiamata perfezionismo, va di pari passo con il Disturbo d’Ansia.

 

- Comportamenti Compulsivi

 

Per una diagnosi di disordine ossessivo-compulsivo, i pensieri ossessivi e intrusivi devono venire accompagnati da un comportamento ossessivo, sia mentale (ripetere a te stesso infinite volte Andrà tutto bene o altre frasi) sia fisico (continuare a lavarsi le mani, stringere oggetti etc).

 

I pensieri ossessivi e il comportamento compulsivo diventa un disturbo vero e proprio quando per completare un comportamento abbiamo bisogno di compiere delle determinate azioni, chiamate rituali, e quando questi rituali cominciano a guidare la nostra vita.

 

- Dubitare di se stessi

 

Un persistente dubbio su noi stessi è una caratteristica comune dei disturbi d’ansia.

 

In alcuni casi questo dubbio ruota attorno ad una domanda che è centrale a per l’identità di una persona, come ad esempio: “Sono gay?”, “Amo mio marito quanto lui ama me?”, “Amo mia moglie quanto lei ama me?”.

 

Questi dubbi consistono spesso in domande che non possono avere alcuna risposta.

 

Oppure si cerca una sicurezza che non si può avere. Di solito persone con tali dubbi sono alla ricerca dell’assoluta certezza e sicurezza (“Se solo fossi al cento per cento sicuro...”), ma hanno questo continuo senso di insicurezza che trasforma questi dubbi in delle vere e proprie ossessioni.

Please reload