© 2015 by Massimiiliano Martinato

  • Facebook App icona
  • Instagram-icon
  • Google+ Classic
  • LinkedIn App Icon

August 26, 2019

Please reload

AREE DI INTERVENTO

In sintesi, le principali aree di intervento, per cui offro un ascolto empatico e un supporto concreto e professionale nell'affrontare situazioni di disagio e sofferenza, sono:

 

  • ansia e attacchi di panico;

  • depressione;

  • difficoltà in ambito lavorativo e scolastico;

  • relazioni interpersonali(sociali e sentimentali);

  • disturbi dell'alimentazione;

  • stress;

  • dipendenza da gioco(ludopatie) e nuove dipendenze(smartphone, internet e social network).

Gestione dello Stress

Lo stress è la reazione aspecifica dell’organismo in risposta ad eventi stressanti. La risposta è una  reazione biologica definita  Sindrome Generale di Adattamento (SGA) che si suddivide in tre fasi:

 

  • Fase di Allarme: si mobilitano le energie difensive (innalzamento frequenza pressione cardiaca, della tensione muscolare ecc.) e rallentamento delle funzioni corporee non strettamente necessarie alla difesa (digestione, sessualità ecc.). Reazione di attacco-fuga;

 

  • Fase di Resistenza: l’organismo, per sviluppare un miglior adattamento all’agente stressante, incrementa le funzioni omeostatiche basali con un notevole dispendio di energie;

 

  • Fase di Esaurimento: se la condizione stressante continua o risulta troppo intensa l’organismo non riesce più a difendersi e la naturale capacità di adattarsi viene a mancare (es. comparsa malattie somatiche).

 

Lo stress è dato da uno squilibrio tra le richieste (stimoli esterni e interni) e l’effettiva capacità di adattamento dell’individuo (risorse disponibili).

Le persone in grado di controllare meglio stress hanno una personalità detta "resiliente". La resilienza è la capacità di raggiungere un buon livello di adattamento nonostante le avversità, i traumi, le difficoltà, lo stress. Essere resilienti non significa essere invincibili e infallibili, ma essere flessibili, disposti al cambiamento, accettare di poter sbagliare e correggere la propria “rotta”.

Una personalità resiliente ha le seguenti caratteristiche: impegno, controllo, gusto per la sfida, attitudine proattiva.

Lo psicologo, con la sua attività, aiuta il cliente a combattere le stress attraverso tre metodologie apparentemente semplici ma messe in atto raramente e con molta difficoltà:

 

  • Parlare: Aiuta le persone a dare coerenza ai sentimenti confusi e a comprendere le emozioni interne. Aiuta inoltre a sviluppare una visione più chiara della realtà.

  • Condividere il dolore: le emozioni sconvolgenti cominciano a sembrare più normali e comprensibili.

  • Intraprendere azioni: è importante che le persone assumano azioni dirette tese a superare i momenti di crisi, come ad esempio rivolgersi verso la propria rete sociale o uno psicologo.

 

Lo psicologo, attraverso altri strumenti, quali l'ipnosi e il rilassamento, è in grado di rafforzare l'autoefficacia percepita del cliente, attivando le risorse interne al momento bloccate da eventi stressanti, evitando il rischio di burnout. I sintomi del Burnout sono: frequente sensazione di stanchezza generale, accelerazione del battito cardiaco, difficoltà di concentrazione, attacchi di panico, crisi di pianto, depressione, attacchi di ansia, disturbi del sonno, dolori muscolari, ulcera dello stomaco, diarrea, crampi allo stomaco, colite, malfunzionamento della tiroide, facilità ad avere malattie, difficoltà ad esprimersi ed a trovare un vocabolo conosciutissimo, sensazione di noia nei confronti di ogni situazione, frequente bisogno di urinare, cambio della voce, iperattività, confusione.

Promozione e Prevenzione Benessere

La promozione del benessere rappresenta il primo livello per un intervento globale con un’alta valenza preventiva: promuovere benessere non significa promuovere un generico “stare bene” ma fornire adeguati strumenti per essere in grado di affrontare situazioni di diffi coltà e di rischio.

La promozione della salute non è esclusiva responsabilità del sistema sanitario e sociale e supera la proposta di modelli sani di vita andando verso un’aspirazione globale di benessere. 

La prevenzione è strettamente connessa alla promozione, ed è una forma d’intervento volta a ostacolare l’insorgenza di una situazione problematica e a promuovere negli individui e nel loro contesto sociale forme di autotutela, incrementando le risorse personali e sociali. 

Sono stati evidenziati fattori anteriori di rischio che possono esprimersi, in particolare nell’adolescenza, e che vanno ricercati per esempio nelle esperienze precoci di attaccamento che possono aver influito sulla strutturazione nell’infanzia di stili di attaccamento meno funzionali quali attaccamento insicuro, disorganizzato rispetto alle figure genitoriali. Ciò costituisce un punto di attenzione per i professionisti che hanno in cura i ragazzi anche allo scopo di prevenire eventi quali crisi adottive, fallimenti adottivi, o per supportare le famiglie e i ragazzi durante esperienze vitali complesse quali separazioni conflittuali, famiglie multiproblematiche, percorsi migratori (per esempio in caso di ricongiungimenti famigliari dopo anni di relazioni interrotte o non continuative tra genitori e figli, …).

Sostegno delle persona in situazioni di sofferenza e disagio

Il Sostegno Psicologico è un intervento non terapeutico rivolto a persone che vivono un momento di disagio o crisi personale, ma che non presentano sintomi rilevanti o comunque un quadro clinico tale da necessitare di intervento terapeutico.
Può essere effettuato individualmente o in gruppo, quando più persone condividono le stesse difficoltà o un’identica situazione personale: include infatti percorsi di sostegno a momenti di cambiamento che non necessariamente implicano difficoltà.

Nell’ambito della consulenza all’individuo, alla coppia e alla famiglia sono generalmente affrontati temi legati a difficoltà temporanee, a disturbi di lieve entità o a disagio nelle relazioni: nelle situazioni più complesse e non trattabili con una semplice consulenza è consigliabile intraprendere un percorso di consulenza e Sostegno Psicologico, a seconda delle caratteristiche del quadro clinico.
La valutazione (Psicodiagnosi) è spesso parte integrante della Consulenza Psicologica quando questa è preliminare ad interventi volti al cambiamento individuale o gruppale.
La Consulenza Psicologica può inoltre riguardare aspetti individuali o di performance che la persona desidera migliorare.

Strumenti utilizzati
  • COLLOQUIO PSICOLOGICO

  • TEST e QUESTIONARI

  • MINDFULNESS

  • ​IPNOSI

  • OSSERVAZIONE PARTECIPANTE

  • COUNSELING PSICOLOGICO

  • TRAINING AUTOGENO

  • TECNICHE di RILASSAMENTO

  • VISUALIZZAZIONE CREATIVA