© 2015 by Massimiiliano Martinato

  • Facebook App icona
  • Instagram-icon
  • Google+ Classic
  • LinkedIn App Icon

August 26, 2019

Please reload

Cos'è?

L'ansia NON è una casuale, sconosciuta, o incontrollabile malattia che si eredita o si trasmette tramite contatto.

 

L'ansia è il risultato di un particolare comportamento.

 

Più nello specifico, noi creiamo quello stato psicologico, fisiologico ed emotivo di tipo ansioso quando agiamo in modo eccessivamente apprensivo, come l'essere costantemente preoccupati, spaventati e/o allarmati.

 

L'ansia è il risultato di un determinato comportamento, NON una malattia.

 

Tutti sperimentiamo un certo livello di ansia: chi più chi meno. Nei casi peggiori, l'ansia sfocia in attacchi di panico.

L'ansia non è sempre qualcosa di negativo; è principalmente una risposta fisiologica, psicologica ed emotiva ad un particolare tipo di comportamento apprensivo.

 

Il dizionario definisce l'ANSIA come:

  • uno stato di inquietudine e apprensione verso le incertezze future;

  • uno stato di incertezza, apprensione e paura risultante dall'anticipazione di una realistica o immaginata minaccia futura scatenata da un particolare evento o situazione, che spesso compromette le funzioni fisiche e psicologiche dell'individuo.

 

Preoccuparsi eccessivamente è solo un esempio di un comportamento apprensivo che ha come unico risultato l'aumento dell'ansia percepita.

 

Preoccuparsi significa permettere alla nostra mente di rimuginare incessantemente sui problemi e sulle difficoltà.

 

Preoccuparsi significa guardare al futuro aspettandosi il peggiore dei casi possibili; in altre parole, immaginare che una circostanza o una situazione futura potrebbe causare del male a noi o a chi ci è più caro.